data aggiornamento 16/10/2020

“Pedibus”, il progetto si struttura. 6 le linee di ‘autobus senza ruote’

13 ottobre 2020
Dove sarà il capolinea, quante saranno le fermate, quali i tragitti a piedi per portare bambini e bambine nelle loro scuole elementari con il Pedibus, servizio di ‘autobus senza ruote’. La Giunta ha approvato le linee guida, con progetto, norme di comportamento, istruzioni, moduli di adesione e tanto altro.
“Procede il nostro lavoro per far partire questo servizio – dice l’assessore alla Mobilità Roberto Gambassi – che risponde alle necessità di questa emergenza sanitaria e prima ancora è una opportunità per sostenere e promuovere forme di mobilità che fanno bene alle persone e all’ambiente. Un servizio utile, a emissioni zero e dal forte valore educativo che utilizza percorsi sicuri ‘casa-scuola’ e ‘scuola-casa’ da rendere operativi curando ogni minimo dettaglio, dalla formazione, alla segnaletica, alla sistemazione dei tragitti, alle necessarie rassicurazioni”.

Il progetto Pedibus è stato elaborato dai responsabili della Polizia Municipale concordemente con i referenti scolastici, nell’ambito del progetto “Mosaico Siena – Mobilità Sostenibile nell’Area integrata dei Comuni della Provincia di Siena”, coordinato da Terre di Siena Lab. Da questo coordinamento sono stati definiti i tragitti con partenze e fermate.
Il Pedibus infatti è un vero e proprio ‘autobus senza ruote’ che effettua un percorso dal capolinea alla scuola e viceversa, con partenza ad orario prestabilito, fermandosi alle paline (fermate) definite lungo il percorso (con orario prestabilito), facendo salire i bambini che sono in attesa a ciascuna fermata. Un servizio strutturato che deve poter contare su due adulti (un autista ed un controllore), il primo in apertura del gruppo e l'altro a chiusura. “Sarà fondamentale adesso dare continuità al percorso di coinvolgimento prima di tutto dei genitori. Abbiamo già promosso incontri con la comunità scolastica – dice l’assessore - accolti con interesse ed entusiasmo e su questa strada intendiamo proseguire coinvolgendo anche associazioni di volontariato e altre persone disponibili nell’ambito dei patti per il lavoro e l’inclusione sociale”.

Nel frattempo le linee individuate sono 6 e porteranno i bambini e le bambine nelle scuole Bernabei di Staggia Senese (2 linee), Calamandrei, Vittorio Veneto e Marmocchi, Pieraccini. I percorsi ipotizzati (suscettibili di variazioni anche in base alle necessità) sono tutti su strade urbane dotate di marciapiedi, passaggi pedonali e attraversamenti protetti. Sono stati definiti alla luce di valutazioni sulla sicurezza stradale ma anche in base alla presenza lungo il tragitto di spazi visibili e ampi per i bambini in attesa e i cartelli di fermata, nonché della presenza di parcheggi nei pressi del capolinea per consentire la sosta a chi abita lontano ma vuol prendere il Pedibus.

“L’Amministrazione supporterà l’intero processo – dice Gambassi - che rientra in un programma più vasto di interventi volti a implementare le reti ciclabili e pedonali e a promuovere buone abitudini in tema di mobilità e sostenibilità ambientale. La condivisione di impegni e la responsabilità è fondamentale per cogliere questi obiettivi che guardano alla qualità della vita e che coinvolgono tutti, nessuno escluso. Per questo rimane fondamentale l’appello ai genitori a rendersi disponibili. Con loro, tramite gli incontri con le scuole, abbiamo condiviso gli obiettivi ad inizio progetto, con loro, solo con loro, il progetto potrà realizzarsi”.

In comune

La città

Eventi e turismo

Torna su