data aggiornamento 24/10/2016

Rabbia - Contemporary Art Map

Arte All'Arte 9 Edizione

Il progetto per le antiche fonti pubbliche di S.Gimignano e' stato inspirato dal silenzio del luogo stesso, dall'incontro tra la natura selvaggia e l'acqua, dal Tempo.
“Guardando le fonti e il muschio sui muri, ho pensato che in quel bacino respirassero ancora gli antichi valori del Medioevo, in cui l'acqua era considerata sacra in quanto fonte di vita. Mi e' parso di scorgere il volto del Tempo, come se fosse stato li a riposare tutti questi anni, indisturbato, nelle fonti poco visitate, nascoste nel verde.
Ho pensato ad un volto vecchio e crepato come la terra al sole, ad un volto che conosce il rapporto con la terra, con il sole, l'acqua, dagli occhi lucidi perche pieni di universo, di storia e di vita. Guardando il bacino mi e' sembrato di vedere le lacrime di quegli occhi, perche l'acqua e' anche pianto e il pianto e' rigenerazione proprio come immergersi nell'acqua. Pensando a quel volto l'ho disegnato di blu come la notte e bianco come la luna. Senza bocca con le orecchie coperte, ha solo gli occhi che guardano il passare del tempo. Il proprio corpo e' avvolto in panni, forse un ricordo di quando le donne facevano il bucato alle fonti. C'e' un piede, con le vene blu come ruscelli.
La figura e' disposta sopra il muschio, come se stesse levitando o riposando.
Mi e' stato detto che d'inverno l'acqua sale e copre il muschio, per cui la figura sarebbe a pelo con l'acqua. Nonostante l'opera non sia concepita per essere permanente, e' importante per me relazionare il lavoro allo spazio come se potesse essere li per sempre: se il lavoro venisse murato, con il passare del tempo ciuffi d'erba comincerebbero a germogliare casualmente in alcune fessure fra una mattonella e l'altra della porcellana. Solo in quel momento il mio progetto raggiungerebbe veramente la sua completezza: quell'antico volto e quell'antico corpo, diventerebbero terra fertile, accettati dalla natura e dalle sue leggi universali."

Luisa Rabbia,Il riposo del tempo, 2004, Progetto per Arte All’Arte 9. Fonte Medievale, San Gimignano Courtesy Associazione Arte Continua

 

La ricerca di Luisa Rabbia, partendo dalle percezioni del corpo considerato come zona di confine tra l’interno e l’esterno dell’individuo, si focalizza sui temi del pensiero, della memoria, del fluire del tempo, evidenziando così l’intrinseca fragilità umana. La relazione dell’uomo con l’ambiente circostante, ma anche con il paesaggio interiore sono questioni ricorrenti nel lavoro di Luisa Rabbia. Anche il sonno, tema di opere come “Un cuscino per parlarti” e “REM”, simbolizza un confine, quello che separa l’inconscio dallo stato di veglia, e che è allo stesso tempo la via d’accesso a una dimensione in cui l’uomo continua a imparare qualcosa su se stesso.

a cura di associazione Arte Continua
ODG (file .pdf)
Trascrizione firmata (file .p7m)
Trascrizione (file .pdf)
ODG (file .pdf)
ODG 14 OTTOBRE 2104 (file .PDF)
Trascrizione (file .pdf)
Trascrizione firmata (file .p7m)

In comune

La città

Eventi e turismo

Torna su