data aggiornamento 23/02/2019

Gormley a Poggibonsi per una nuova opera d’arte. Appuntamento domenica 24 febbraio ore 11,30 in piazza Nagy

Comunicato del 22 febbraio 2019

Visita poggibonsese per Antony Gormley, uno dei più noti scultori contemporanei. Domenica 24 febbraio alle 11,30 Gormley sarà a Poggibonsi per inaugurare la sua ottava opera permanente in città.
L'appuntamento è alle 11,30 in piazza Nagy.
Si tratta di una scultura realizzata per Mario Cristiani, cittadino poggibonsese e presidente dell’associazione Arte Continua di San Gimignano. “Antony Gormley è legato alla nostra città – dice il sindaco David Bussagli – che ne ha conosciuto l’arte con l’opera ‘Fai spazio, prendi posto’ apprezzata a livello internazionale e che ha portato Poggibonsi a condividere una esperienza culturale con importanti realtà del mondo. Questa nuova vista fa piacere così come questa ulteriore opera d’arte contemporanea che arricchirà la nostra città. Un sentito ringraziamento all’artista, all’associazione Arte Continua di San Gimignano e al suo presidente Mario Cristiani, nostro concittadino”.

Antony Gormley, a cui è stata conferita la cittadinanza onoraria di Poggibonsi, è l’artista del progetto ‘Fai spazio, pendi posto’ , gli ‘omini di ferro’, sette sculture di ferro in pixel, modellate su altrettante persone e che si trovano in vari luoghi della città. Il progetto è stato realizzato nell’ambito della nona edizione di Arte all’Arte promossa dall’associazione Arte Continua. Successivamente l’artista ha donato le opere alla città. Adesso una nuova opera sospesa tra cielo e terra con cui continua il percorso di Arte all’Arte organizzato e ideato dall’associazione Arte Continua in collaborazione con il Comune di Poggibonsi. Reduce dai grandi successi alla Galleria degli Uffizi Gormley continua il suo dialogo tra comunità dell’arte internazionale e la comunità poggibonsese.

Antony Gormley è stato insignito della cittadinanza onoraria di Poggibonsi nel 2012 come tributo per la sua opera poggibonsese.

In comune

La città

Eventi e turismo

Torna su